FAQ – Domande frequenti

FAQ-01

* Chi siamo?

Questo è un sito indipendente e autofinanziato, sicché grazie per gli eventuali contributi (v. donazioni). Il responsabile è un ricercatore territoriale che non ha rapporti di dipendenza con organizzazioni, istituti politici o culturali che operano nei settori qui richiamati. In definitiva il sito si rivolge a tutti coloro che possono essere interessati alle tematiche esposte e che si ricollegano a quella predominante: ovvero l'ipotesi di creare una Macro Regione localizzata attorno alle  Alpi. L'obiettivo è teso a facilitare l'informazione e l'eventuale discussione. Tale Macro Regione Alpina, per ora in fieri,  è  all’interno dell’Unione Europea tanto in senso geografico quanto programmatico. Infatti, l’Unione Europea (UE),  nata in sostanza nel 1957 con i trattati di Roma, come è noto, si è trasformata divenendo prioritariamente un'unione politica con il Trattato di Maastricht (1992), superando gli inziali accordi meramente commerciali. La Macro Regione Alpina appartiene alle ipotesi operative previste dai trattati che per brevità possiamo ricondurre a Bruxelles e ne condivide i pregi, tra cui primeggia l’obiettivo di aumentare il benessere delle popolazioni interessate. Le due Macro Regioni UE, già operative, ovvero quella  del mare Baltico e del fiume Danubio, stanno percorrendo questa strada.  Il presente sito è aperto a tutti coloro che intendono collaborare onde potenziare il livello informativo di questo insieme di strategie (se vuoi manda una mail).

Torna alla home page Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

* Di cosa si parla nel Sito?

Soprattutto partire dal 2012 la  MACROREGIONE Alpina o del Nord è sulla bocca o all’attenzione di moltissime persone. Politici, giornalisti, mass media, gruppi di potere, ecc. tutti ne parlano ma in realtà cosa essa sia, in pochi lo dicono. Questo è il problema ! Non è sufficiente il riferimento generico o  l’invocazione di un termine per rendere intellegibile un discorso. Ciò che noi sosteniamo e che dietro tale definizione si nascondono, come sempre, interessi diversi. E'  evidente di conseguenza che il chiarimento del significato di MACROREGONE risulta essere una priorità per chi non vuol parlare a vanvera. Il presente SITO ha come obiettivo il tentativo di procedere al chiarimento del significato dell’espressione in questione, ovvero: MACRO REGIONE ALPINA. Per certi versi l’incomprensione che deriva da questa situazione può essere considerato il primo ostacolo alla realizzazione della stessa Macro Regione Alpina (v. sez. OSTACOLI).

Torna alla home page
  Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

* Macroregione ?

Cosa si intende con il termine: Macro Regione ? Dal punto di vista geografico-spaziale  si intende un'area territoriale prodotta dall'unione di più Regioni, tendenzialmente trans-nazionale. Dal punto di vista politico, a partire dal suo richiamo, si evidenzia la necessità di gestire il territorio superando le mere difficoltà amministrative e burocratiche, spesso generate dall'appartenenza a Stati autonomi e differenti. La UE comprende oltre 273 Regioni raggruppate in 28 paesi. Ne deriva che ogni Paese della UE ha molte Regioni. Per esempio l'Italia ne ha venti. Sino a Maastricht nel 1992 le Regioni dipendevano unicamente dall'organizzazione del proprio Stato. Dopo Maastricht le cose hanno cominiciato a cambiare. Sinora la UE ha individuato tre Macroregioni che hanno la caratterisitica di raggruppare Regioni di Stati diversi, ovvero che non appartengono necessariamente allo stesso paese. Infatti, in questo caso la ragione dell'aggregazione si collega alla funzione che si intende potenziare, onde perfezionare e facilitare i sistemi di sviluppo. Le attuali tre macro-regioni sono: (1) Regione Mar Baltico (2) Regione Danubio e (3) Macro Regione Alpina, o come si chiamerà, attualmente ancora  in fieri. Il problema è sviluppato nella sezione apposita e ad essa rimandiamo (vedi sez. UE)

 
Torna alla home page
Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

Fondi strutturali: cosa sono?

L'Unione Europe (UE) è consapevole che esistono notevoli differenze tra il livello di vita delle proprie Regioni. Alcune sono ricche, altre ancora  povere.  Di conseguenza un obiettivo prioritario che si è imposta è di innalzare i redditi più bassi, portandoli almeno al livello della media calcolata sul complesso delle Regioni UE. Le valutazioni si avvalgono dei valori del Prodotto Interno Lordo (PIL) di ogni Paese. A tal fine ha elaborato a partire dal 1957 una politica operativa con specifici programmi, volta allo sviluppo delle infrastrutture sia territoriali sia a supporto del mondo del lavoro, di tutti i territori UE. Tali programmi hanno assunto il nome di: Fondi strutturali. Questi sono inseriti in programmazioni settennali e devono seguire  puntuali regolamenti. I finanziamenti, inoltre,  sono rendicontati con molta precisione, almeno teoricamente, analogamente alla verifica delle opere finanziate con tali fondi, i quali  utilizzano oltre un terzo dell'intero bilancio comunitario. Infatti, i finanziamenti dei Fondi strutturali per il ciclo in corso (2014-2020) si aggirano sui 350 miliardi di euro. Ovvero di tratta di cica 40/50 milioni annui per sette anni, su un bilancio UE che si aggira sui 120/130 Milioni di euro annui. Un altro quarto è assorbitlo dalla Politica UE per l'Agricoltura (PAC). L'Italia, in ultima analisi per le regole interne di questi regolamenti (v. sito apposito) devolve oltre cento miliardi di euro (28+28+50) per i Fondi strutturali, i quali sono utilizzati per circa l'80% dalle sole Regioni del SUD Italia (Campania, Sicilia, Puglia, Calabria e in parte Basilicata e Sardegna)(v. Fondi strutturali). Benché i finanziamenti UE per lo Spazio Alpino si aggirino significativamente, attorno a qualche centinaio di milioni di euro, in realtà essi rappresentano, al più, qualche punto percentuale nei confronti dei finanziamenti a disposizione dei Fondi strutturali, che si conteggiano in miliardi di euro.

Torna alla home page
Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

(a) CIPRA – (b) Spazio Alpino- (c) Macro Regione Alpina – cosa sono?

Le tre maggiori istituzioni che si occupano, per ora, dello Spazio alpino transnazionale, si differenziano tra loro per la funzione di governo che intendono svolgere nella difesa  di questo territorio. I dati essenziali sono espressi nella seguente tavola:

00-ALPI-32

 

 

 

 

 

 

Per approfondire cosa sia l'associazione CIPRA vai alla sezione Ambiente; per approfondire Spazio Alpino vai alla sezione LINKsezione Fondi Strutturali ;  per approfondire Macro Regione Alpina sei già nel sito adeguato.

Torna alla home page
Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

 

Torna alla home page  Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

Acronimi utilizzati nei sito

F.A.Q. = Frequently Asked Questions (domande poste frequentemente)

UE = Unione europea dopo il trattato di Maastricht (1992)

M.R.A. o MRA = Macro Regione Alpina

V.A.S.= Valutazione Ambientale Strategica (V. Direttiva UE 2001-2004)

Ma_Re_Alpina = Macro Regione Alpina

Torna alla home page Se credi puoi spedire una mail con la tua disponibilità

Correzioni = se trovi che vi siano degli errori comunicalo. Ti ringraziamo anticipatamente. ( Spedisci MAIL)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta