Società civile

SEZIONE SOCIETA' CIVILE

clicca sul paragrafo di interesse

LA TESI:

La Macro Regione Alpina ha in sè delle potenzialità oggettive di sviluppo, tali da produrre un valore aggiunto e una crescita del benessere della popolazione residente. La Macro Regione Alpina può essere la casa o  l'habitat per circa settanta milioni di persone cui si aggiungono quote di milioni di turisti. Tutti costoro convivono nel medesimo territorio, sicché è evidente che debbano rispettare regole condivise atte alla migliore e civile convivenza. Ovvero regole che comprendano i settori principali in cui si esprime la Società. In questa sezione cercheremo di illustrarne gli aspetti più significativi, e che andranno approfonditi.

Differenze e identità delle Istituzioni sociali dell'area chiamata Macro Regione Alpina

L'Obiettivo complessivo della Macro-Regione Alpina riguarda in sostanza, il miglioramento del benessere della sua popolazione. Questo rappresenta una finalità generale di buon senso che anima tutte le politiche della UE, la quale si prefigge di eliminare le diseguaglianze socio-economiche e ambientali esistenti e riscontrabili tra una regione e l'altra, innalzando il livello di tutti. Tramite i cosiddetti Fondi strutturali la UE ha deciso di cercare di facilitare la crescita dei territori che si trovano in una situazione oggettivamente svantaggiata (v. Fondi strutturali). Come capita ad esempio ai territori di montagna e/o a quelli che confinano con altri Stati. In questo caso la formula che la UE ha previsto per facilitare eventuali programmi di sviluppo, si collega ad un ulteriore possibilità tesa a facilitare accordi transnazionali, che hanno assunto il nome di Macro Regione. I territori attorno alla catena delle Alpi rientrano in questa dizione ed assumono il nome di Macro Regione Alpina. Sicché anche questa possibilità,  può usufruire di finanziamenti come gli altri programmi, rientrando a buon diritto nei Fondi strutturali. (v. sito Fondi strutturali) La Ma_Re_Baltica e la Ma_Re_Danubio percepiscono adeguati finanziamenti, corrisposti seguendo i Regolamenti dei cicli dei Fondi strutturali di Bruxelles (v. UE). Gli approfondimenti necessari per organizzare al meglio la Macro Regione Alpina dovranno tendere all'obiettivo di rendere il più trasparente possibile i costi della vita quotidiana della popolazione che vive nei vari territori in oggetto. L'obiettivo è di favorire eventuali migliorie. Di seguito si indicano alcuni indicatori esemplificativi a tale scopo che riguardano i settori della vita di tutti i giorni ed in particolare il ruolo dei Servizi pubblici (Sanità, Istruzione, Enti Locali, Trasporti, Tempo libero, Occupazione, ecc.), i quali, come è noto, sono essenziali per la vita della popolazione.

Le origini di un concetto parallelo  di Macro Regione Padana all'interno delle Regioni della Valle del PO

Convegno Casteggio (Pavia) 4 Maggio 2013

Traccia dell'Intervento del prof. Giorgio Galli (v. video sotto)

La Macro Regione Padana, ovvero l'unione delle Regioni della Valle del PO, in sintesi si giustifica per alcune questioni, anticipate dalle vicende del giornale Cisalpino (1° stampa 1945-CO) in cui si indica il grande cantone padano in alternativa alla tradizionale lettura per Regioni. Nel video, l'oratore, sviluppa il concetto di Macro regione tramite tre tipicità presenti in questi territori (v. sotto). Esse sono:

- La posizione di leader economica delle regioni del Nord nel contesto europeo, che emerge nella storia;
– La vessazione fiscale cui le regioni del nord sono sottoposte da parte di governi nazionali;
– Il patrimonio di ragioni storiche  e civiche che caratterizza dette Regioni.

Questi elementi si ripetono nello sforzo di cercare di mantenere un rapporto centro-periferia sempre a favore di Roma, per esempio nei passaggi avvenuti rispettivamente nel 1945 (fine guerra) -1972 (inizio governo regioni legge Visentini) -1992 (fine prima repubblica e inizio seconda).

Per l'oratore, quindi, la questione settentrionale non compare solo negli anni Novanta del secolo scorso come affermano alcuni politologi.

Intervento Bruno Galli al convegno di Casteggio (PV) 4 maggio 2013
La Macroregione, oltre ai propositi delle sue tesi,  può essere una soluzione federale alla questione settentrionale in Italia

Tavola 002-01- Video Questione settentrionale ( durata 32,42 minuti)


 Torna all'inizio                              Torna all'HOME PAGE


Partecipazione : Le due tavole che seguono indicano sommariamente alcune tematiche che potrebbero essere oggetto di interventi di eventuali interessati.  A tal fine si puo utilizzare la MAIL. (spedisci Mail) o il Forum. (ci si deve iscrivere per ricevere la password onde intervenire nel forum – Guarda a fianco).

Indicatore = Società – Settori amministrativi da sviluppare
Servizi  (A)
A
SETTORI
ARGOMENTI PRIORITARI ALLA SCALA DELLA MACROREGIONE ALPINA (da sviluppare)
INTERSCAMBI TRA LE AREE DELLA MRA
1
Magistratura
Indicatori statistici per il servizio della magistratura nei vari territori della Macro-regione
SI
2
Istruzione
Principali indicatori statistici del Servizio dell'istruzione nei vari territori della Macro-regione
SI (in corso)
3
Mercato del lavoro
Indicatori statistici del mercato del lavoro (assunzioni / disoccupati) nei vari territori della Macro-regione
SI (in corso)
4
Turismo
Principali indicatori del settore turistico nei vari territori della Macro-Regione
SI (in corso)
5
Identità dei luoghi
Indicatori della presenza di fenomeni di identità dei luoghi della Macro-Regione
SI (in corso)
6
Settore Politico
Principali indicatori dell'Agone politico (Partiti, presenza federalismo, gestione Costi/benefici, rapporto con la UE)
SI (in corso)
7
Rischio idrogeologico
Banca dati dei rischi di tutte le Regioni
SI (in corso)
8
Rischio clima-valanghe
Banca dati dei centri di raccolta meteo
SI (in corso)
9
Rischio radioattivo
Organizzazone dei piani di emergenza per le centrali elettronucleari presenti nella MaReAl
SI (in corso)
10
Settore Energetico
Banca dati e censimento settore energetico
SI (in corso)
11
Inquinamento- Rifiuti
Banca dati, censimento e politiche di contenimento dei rischi dei rifiuti
SI (in corso)
Indicatore= Società – Elementi della quotidianità (B)
B
SETTORI
CONFRONTI DEGLI ARGOMENTI PRIORITARI (da sviluppare)
Interscambi tra le aree della MRA
1
Alimentazione
Costi per l'alimentazione di una famiglia media: Confronto dei costi degli stessi prodotti nei supermercati nei vari territori della Macro-regione
SI
2
Trasporti
Costi per il trasporto di una famiglia media. Per es. costo carburante nei vari territori della Macro-regione
SI (in corso)
3
Abitazione
Costi per l'abitare e il riscaldamento di una famiglia media. Confronto dei costi delle abitazionie (acquisto e/o affitto) nei vari territori della Macro-regione
SI
4
Salario/occupazione
Confronto del Mercato dei salari e delle pensioni nei vari territori della Macroregione
SI
5
Salario/disoccupazione
Mercato degli incentivi e delle garanzie a favore dei disoccupati nei vari territori della Macroregione
SI
6
Fenomeno Emigrazione
Presenza del fenomeno dell'emigrazione – Diversità di regole di comportamento nella Macro-regione
SI (in corso)
7
Tempo libero
Spazi, strumenti politiche a sostegno del tempo libero nelle varie regioni della Macroregione
SI (in corso)
8
Mass Media
Uso della Rete a banda larga, delle trasmissioni TV e satellitari nelle varie regioni della Macroregione
SI (in corso)
9
Terza età
Politiche e strutture a sostegno terza età nelle varie regioni della Macroregione
SI
10
Altro
Continua [..] Altro

Partecipazione

Le due tavole ora esposte indicano sommariamente alcune tematiche che potrebbero essere oggetto di interventi di eventuali interessati.  A tal fine si puo utilizzare la MAIL. (spedisci Mail) o il Forum. (ci si deve iscrivere per ricevere la password onde intervenire nel forum- Guarda a fianco ).


Bibliografia


 Torna all'inizio    Torna all'HOME PAGE